Fotografia

Kata Geibl

Project details

Category

Fotografia

C’è qualcosa di veramente crudo nelle fotografie di Kata Geibl. Questo è visibile nell’agilità della fotografa ungherese, nell messaggio duro attraverso un’immagine secca, un fattore fortemente presente in due dei suoi progetti. Geibl è un’artista che presta molta attenzione all’interazione tra l’uomo e il pianeta e al modo in cui uno influenza l’altro.

There is nothing new under the sun (2019-) cerca di riunire idiosincrasie del mondo attuale, affrontando l’Antropocene e lo Zeitgeist senza nemmeno accorgersene: affrontare non affrontando. L’artista ammette di non aver mai avuto il desiderio di dare risposte al pubblico, invece ha avuto il desiderio di porre domande che permettessero di riflettere sulla ripetizione dei nostri tempi: “Accostando i ghiacciai in scioglimento del Dachstein, animali sotto controllo umano, atleti greci simili a divini, un racconto della nostra nuova era si dispiega attraverso le immagini “, quindi non c’è davvero nulla di nuovo sotto il sole.

 

Theres is nothing new under the sun

Theres is nothing new under the sun

Theres is nothing new under the sun

In Uncanny Valley (2017), Kata chiarisce che il titolo del suo progetto deriva dal termine scientifico associato alla paura degli umani nei confronti di figure robotiche che li assomigliano, e ammette di essere stata ispirata dal film Solaris di Tarkovsky. Durante il suo soggiorno in Finlandia, per sei mesi, la fotografa si chiede se il futuro sia quello che stiamo vivendo, piuttosto che una proiezione.

 

Uncanny Valley

Uncanny Valley

Uncanny Valley

 

 

Tutte le immagini: http://www.katageibl.com

Share on